26 giugno, Giornata Mondiale per la Riabilitazione della Svastica


20 giu, 2011
 Nessuno    Mondo

Il 26 giugno verrà celebrata la Giornata Mondiale per la Riabilitazione della Svastica (WOSRED) con marce ed eventi informativi in tutto il mondo.





Il 26 giugno verrà celebrata la Giornata Mondiale per la Riabilitazione della Svastica (WOSRED) con marce ed eventi informativi in tutto il mondo.
La WOSRED fu lanciata lo scorso anno da Rael, leader spirituale del Movimento Raeliano, al fine di far conoscere il vero significato di pace ed armonia della Svastica, antico simbolo di cui purtroppo si appropriarono i Nazisti.

Ai Raeliani vengono spesso poste domande sul loro simbolo, nel quale una Svastica si intreccia con due triangoli sovrapposti che formano una stella a sei punte.
La gente, in particolare di origine Ebrea, disturbata alla vista di una Svastica intrecciata con una Stella di Davide, può effettivamente cambiare percezione quando viene spiegato loro che in realtà è un simbolo in uso da millenni e tuttora in uso presso numerosi gruppi religiosi pacifici, soprattutto in Asia.

Per il 26 giugno gli organizzatori si aspettano centinaia, o forse anche migliaia, di persone alla celebrazione della Giornata Mondiale per la Riabilitazione della Svastica nelle strade di Miami, Houston, San Francisco, Los Angeles e New York negli Stati Uniti; Vancouver e Toronto in Canada; Sydney, Melbourne, Brisbane e Perth in Australia; Zacatecas, Veracruz e Mexico City in Messico; Milano in Italia; Lione in Francia; e Rotterdam in Olanda.

Il gruppo Pro-Svastica, lanciato da Rael, comprende attualmente anche Buddisti e Induisti, i quali hanno adottato la Svastica come simbolo sin dai primissimi esordi delle loro religioni.

“Nessuno si dovrebbe sorprendere nel vedere la Svastica come simbolo religioso venerato da molteplici gruppi religiosi, poiché costituisce una parte del simbolo datoci dagli scienziati umani provenienti da un altro pianeta e che ci hanno creato, gli Elohim, coloro che sono all’origine di tutte le religioni,” spiega Brigitte Boisselier.
“Essi hanno dato il simbolo Raeliano a Rael quando lo incontrarono nel 1973 (vedere rael.org), proprio come lo diedero a tutti i grandi profeti del passato. Ecco perché si possono trovare tracce di questo simbolo su ogni continente ed in ogni cultura, non soltanto in Asia con i Buddisti e gli Induisti, ma anche in America con i Nativi Americani e gli Aztechi; in Europa con i Celti ed i Greci; e persino in Israele, dove lo si può vedere in alcuni templi.”
La Boisselier ha aggiunto che è importante per i Raeliani riabilitare questo simbolo dei nostri creatori, poiché Essi non solo ce l’hanno dato, ma ne hanno anche spiegato il significato.

“Esso rappresenta l’infinito nel tempo, un concetto molto importante, che è ora essenziale nella filosofia Raeliana,” ha spiegato.
“Secondo Rael l’universo è infinito sia nel tempo che nello spazio. È sempre esistito e sempre esisterà.”

Il problema, ha detto la Boisselier, è che la nostra società vuole avere un inizio e una fine per ogni cosa, incluso l’universo.

“Questa è la ragione della Teoria del Big Bang, attualmente sempre più contestata dagli scienziati,” ha aggiunto.
Già nel 1973, gli Elohim ci dicevano che non c’è inizio in un universo infinito, ed è molto importante che venga colto questo concetto di infinito per poter continuare ad avanzare scientificamente dal punto in cui ci troviamo oggi.
Promuovendo la Svastica, stiamo effettivamente aiutando gli scienziati del mondo che ci dedicano poco del loro tempo; essi hanno bisogno di fare questo cambiamento di paradigma così importante per il progresso!”
La Boisselier ha detto che i Raeliani sperano anche in un miglioramento della comprensione della Svastica da parte della gente.

“Lo scorso anno il leader Raeliano in Australia è stato arrestato perché reggeva un manifesto che illustrava il significato pacifico della, Svastica” ha spiegato. “Questo incidente dimostra più che mai quanto la nostra azione sia necessaria.
Speriamo che la polizia australiana ne abbia ora riconosciuto il vero significato e che i membri pro-Svastica australiani possano trasmettere il loro messaggio senza più essere ostacolati.”

Il grande evento in Italia della Giornata Mondiale della Svastica, si terra' Sabato 2 luglio a Milano, in via dei Mercanti, di fronte al Duomo, dalle ore 15,00 alle ore 18,00 per divertirci a celebrare questo simbolo che rappresenta l’infinito nel tempo e che insieme alla stella di Davide costituisce l’emblema del Movimento Raeliano.

Per maggiori informazioni: www.proswastika.org.