Il direttore d'orchestra Daniel Barenboim nominato Guida Onoraria del Movimento Raeliano


19 gen, 2008
 Nessuno    Insegnamenti

LAS Vegas, 16 Gennaio.


Barenboim Portrait LAS Vegas, 16 Gennaio. - Rael ha oggi insignito il famoso direttore d'orchestra Daniel Barenboim del titolo di Guida Onoraria del Movimento Raeliano, per le sue azioni volte a promuovere la pace in Medio Oriente e a difendere i diritti dei Palestinesi come cittadino israeliano. "Barenboim si sta comportando come un vero Gandhi ebreo", ha commentato Rael.

Barenboim è diventato una figura controversa in Israele da quando non solo mostra rispetto per i Palestinesi, ma appare anche regolarmente nei loro territori. Ha anche accettato la cittadinanza palestinese offertagli dal Presidente Abbas, dichiarando - secondo la BBC - che "è stato davvero un bel gesto".

"Il gesto è straordinario da entrambi le parti" ha dichiarato Rael, che ha da molto tempo sollecitato la creazione di un stato ebreo-palestinese all'interno del quale entrambe le comunità possano vivere in pace ed in condizioni decenti, con un governo democraticamente eletto che permetta ai rifugiati palestinesi di riottenere tutte le terre e gli edifici che sono stati loro sottratti".

"Solamente l'amore e la pace possono salvare Israele, che oggi più che mai ha bisogno di un Gandhi ebreo", ha sottolineato Rael.
Un recente sondaggio ha mostrato che l'immigrazione di Ebrei verso Israele, un importante fattore per la sopravvivenza dello stesso stato ebraico, è precipitata al suo livello più basso dagli ultimi 20 anni, con meno di 20.000 Ebrei giunti nel 2007.
Rael ha detto che non solo questa tendenza al ribasso continuerà sempre di più, ma che saranno molte le persone che inizieranno presto ad abbandonare Israele.

Egli ha aggiunto: "Chi vorrebbe vivere in un paese che sta attualmente perpetrando un vero e proprio genocidio nei confronti del popolo palestinese, che continua a morire di fame all'interno di enormi campi di concentramento circondati da vergognose mura? Israele sopravvivrà solamente se sempre più Israeliani faranno sentire la propria voce, proprio come Daniele Barenboim".