Rael nomina il Ministro Farrakhan Guida Onoraria dell’Umanità


04 lug, 2011
 Nessuno    Mondo

A seguito della sua recente conferenza stampa presso il Plaza Hotel a New York dove ha denunciato la guerra criminale degli USA e della NATO in Libia e in Africa, il Ministro Farrakhan, leader della controversa “Nation of Islam”, è stato insignito da Rael del titolo di “Guida Onoraria dell’Umanità”.


farrakhan.jpg

A seguito della sua recente conferenza stampa presso il Plaza Hotel a New York dove ha denunciato la guerra criminale degli USA e della NATO in Libia e in Africa, il Ministro Farrakhan, leader della controversa “Nation of Islam”, è stato insignito da Rael del titolo di “Guida Onoraria dell’Umanità”.

Farrakhan è un rivoluzionario pacifico, da tempo ammirato dai Raeliani statunitensi ed africani per le sue discusse posizioni su varie questioni politiche e sociali.

Nel discorso del 15 giugno il Ministro Louis Farrakhan ha messo a nudo le Nazioni Unite, gli USA, e quella “coalizione di demoni” che, a suo dire, costituisce la NATO.

Ha fatto interessanti paragoni fra quello che la popolazione libica ha ottenuto con il governo di Gheddafi ed i problemi che la maggior parte delle nazioni (proprio quelle che stanno ora cercando di soppiantare il leader libico, in particolare gli USA, la Gran Bretagna, la Francia e l’Italia) devono affrontare in materia di disoccupazione, e nelle quali molti sono i senza tetto, a differenza della situazione libica.

Farrakhan ha detto che le Nazioni Unite non avevano alcun diritto di far passare la risoluzione che ha consentito alla NATO di intraprendere un’azione militare in Libia. Ha anche affermato che la NATO è in palese conflitto con la risoluzione ONU numero 1973, quella che avrebbe dovuto tutelare e proteggere quei civili che i bombardamenti della NATO stanno invece uccidendo.

Tutti questi fatti e commenti sono in perfetta sintonia con le molte dichiarazioni rilasciate da Rael riguardo ai conflitti in Afghanistan, Iraq e ora in Libia, così come anche riguardo all'ormai evidente fallimento delle Nazioni Unite.

In un recente discorso Rael ha spiegato che: “L’aggressione internazionale contro la Libia è stata perpetrata con il pretesto di proteggere la popolazione civile, ma la vera ragione è quella di aumentare le scorte di petrolio e combattere l’idea di Gheddafi di creare una valuta basata sull’oro da usare nelle transazioni petrolifere al posto del dollaro.’’

Anche la lettera di sostegno del Ministro Farrakhan al Presidente Gheddafi, letta durante la conferenza stampa, ha molti elementi in comune con le lettere inviate da Rael al Presidente libico durante le scorse settimane e gli anni passati.


Il Ministro Farrakhan annuncia che la dittatura dei Paesi occidentali è ormai finita, cosa che da tempo Rael aveva predetto, assieme alla rivoluzione mondiale.


I media stanno cercando di farci credere che la rivoluzione mondiale stia avvenendo per le strade della Libia, ma non è così. Quello che sta succedendo in Libia è solo un ennesimo episodio di aggressione da parte dei colonizzatori al fine di assicurarsi le risorse locali per soddisfare esclusivamente i propri interessi.


E’ elemento di grande soddisfazione per i Raeliani vedere leader come il Ministro Farrakhan dar voce alla propria disapprovazione e riunire coloro che la pensano allo stesso modo, cosicché si possa giungere finalmente a realizzare un mondo di pace basato sulla cooperazione e sul rispetto. Questa è la vera Rivoluzione Mondiale annunciata e richiesta da Rael da almeno 40 anni.