William Blum, l'autore raccomandato da Bin Laden, viene nominato da Rael "Guida ad Honorem" del Movimento Raeliano


27 gen, 2006
 Nessuno    Politica

Miami, William Blum, che è stato recentemente invitato da tutti i più importanti media degli Stati Uniti ed il cui libro sta ora diventando un best seller grazie ad Osama Bin Laden che, nel suo ultimo video, ne ha raccomandato la lettura a tutti gli Americani, è stato nominato «Guida ad Honorem» da Rael, il fondatore del Movimento Raeliano Internazionale (www.rael.org).


Blum
Miami, William Blum, che è stato recentemente invitato da tutti i più importanti media degli Stati Uniti ed il cui libro sta ora diventando un best seller grazie ad Osama Bin Laden che, nel suo ultimo video, ne ha raccomandato la lettura a tutti gli Americani, è stato nominato «Guida ad Honorem» da Rael, il fondatore del Movimento Raeliano Internazionale (www.rael.org).
Ricky Roehr, responsabile del Movimento Raeliano Americano, ha dichiarato:

\"I patrioti americani avranno delle difficoltà a denigrare William Blum come qualcuno in cerca di celebrità o un «sinistroide». Non si diventa popolari nell’ambito di una nazione puntando sugli errori di questa nazione.

L'etica di William Blum è davvero fuori dall’ordinario. Egli ha abbandonato una grande carriera nel governo degli Stati Uniti verso la fine degli anni '60 perché ha visto al di là della politica ed ha compreso che la guerra del Vietnam era fondamentalmente sbagliata. Ha consacrato questi ultimi 40 anni ad apportare una prospettiva più veritiera sulle politiche estere degli Stati Uniti, sulla condotta della CIA e su altri problemi connessi.

È un uomo di pace, un uomo che cerca di portare agli Americani delle informazioni accurate in modo che possano prendere le loro decisioni in modo autonomo. Egli mette in evidenza quelle informazioni che il governo americano cerca di nascondere ad ogni costo. Cosa importa se a Bin Laden piace il suo libro? Un pacifista vede il problema dai due lati. La verità non dovrebbe venire negata semplicemente perché qualcuno che è ricorso alla violenza, proprio come ha fatto anche il governo americano, è forse d’accordo con il libro di William Blum.

Nulla può giustificare la violenza. Fino a quando non lo capiremo in profondità, ci sar%agrave; sempre «una ragione» per andare a fare la guerra. Ma quali sono le ragioni della pace? È quello che la gente ha dimenticato. Se si dicesse la verità, ci sarebbe la pace, ma nessun profitto per i governi o le grandi Corporazioni.

Il Movimento Raeliano ha sempre denunciato e denuncerà sempre ogni forma di violenza. Noi crediamo fermamente che la gente, Americani, Arabi, e tutti gli altri, sia in sé pacifica e compassionevole. Se la popolazione degli Stati Uniti avesse accesso alla verità, non avrebbe sostenuto alcuna delle guerre degli ultimi 50 anni. Se le popolazioni arabe ed israeliane avessero accesso alla verità, invece di essere vittime della propaganda diffusa dai loro politici e dalle autorità religiose per conservare il proprio potere, la pace sarebbe una realtà in brevissimo tempo. Quando, durante la Seconda Guerra Mondiale, venivano chiamati il «grande fratello», gli Stati Uniti erano i guardiani della pace. Ma da allora, gli USA sono diventati i «guardiani della guerra», in particolare a causa dell’economia di guerra che è stata messa in moto e che si è trasformata in macchina di guerra fascista ed imperialista. E questa macchina di guerra vuole che il 5 % della popolazione mondiale decida come il restante 95% deve vivere.

La pace è la sola strada. Gandhi era il modello perfetto. E quel Gesù, che gli americani pretendono di seguire così fedelmente, continua ad essere citato innumerevoli volte… «Beati i pacifici… la violenza genera la violenza… se vi colpiscono, porgete l’altra guancia… ama il tuo nemico».

Noi crediamo che William Blum abbia consacrato la sua vita a ricordare alla gente questo prezioso codice etico e che per questo rappresenti un grande esempio di coscienza\".