Una linea diretta dagli USA all'Iran


23 gen, 2008
 Nessuno    Politica

Abbiamo sentito di una splendida idea.


Iran Hot LineAbbiamo sentito di una splendida idea.
Nick Jehlen è un pacifista attivo del Massachussetts che ha deciso d'installare una "linea diretta" dagli USA all'Iran. Grazie alla sua grandiosa idea, i frequentatori di un centro commerciale a Somerville hanno potuto alzare la cornetta di un telefono e parlare direttamente con dei cittadini iraniani che Nick aveva conosciuto online. Nick ha sottolineato il fatto che gli Iraniani con cui era entrato in contatto "volevano parlare agli Americani".

Il Profeta Rael ha immediatamente dichiarato: "E' una meravigliosa iniziativa di pace e comprensione reciproca! E' qualcosa di splendido che annullerebbe ogni possibilita di conflitto se fosse estesa anche ai cittadini di altri Stati americani che continuano a vivere nella tensione. Le persone di questi Paesi stanno parlando tra loro piuttosto che ascoltare dei politici che sono disperatamente accecati dalla politica e dai loro personali interessi. Questo è il vero Iran che parla con la vera America".

Parlandosi, i cittadini americani e quelli iraniani si sono trovati d'accordo nell'affermare che i politici stanno amplificando enormemente le poche differenze che vi sono tra i due popoli.

La gente non è americana, iraniana, saudita, israeliana, ecc. La gente è gente! Siamo tutti esseri umani su questo piccolo pianeta blu, il quale si trova alla periferia di una galassia che conta circa 200.000.000.000 di stelle e che è essa stessa persa tra le centinaia di miliardi di altre galassie all'interno di un universo infinitamente vasto. Perciò, come possiamo discutere su confini immaginari e differenze religiose? Gli esseri umani hanno tutti gli stessi amori, speranze, paure e desideri. Sono i politici ed i capi religiosi che sfruttano costantemente queste emozioni nelle persone e creano ancor più paure, convincendo le masse che dobbiamo temere chi è differente da noi. Ma è vero l'opposto! Noi abbiamo sempre qualcosa da imparare da coloro che sono differenti da noi, e l'uomo comune lo sa bene fintanto che non viene influenzato dal fanatismo politico o religioso.
Pensate che il Sig. Bush e il Sig. Ahmadinejad potrebbero essere d'accordo ?

Sebbene al momento ci siano delle nette separazioni tra vari Paesi, che sia tra gli USA e l'Iran, tra Israele e l'Iran, tra la Corea del Nord e gli USA o qualsiasi altro Stato, questo è dovuto al fatto che generazioni di politici e leader religiosi - che sono quasi sempre inscindibilmente collegati – si sono serviti delle solite tattiche vecchie di secoli per demonizzare gli altri e convincere la propria popolazione ad averne paura. Ciò non è vero! Noi dobbiamo avere paura dei politici! E' questo quello che dobbiamo dire, noi dobbiamo essere molto, molto scettici nei confronti di chiunque tenti di spaventarci.

Anche molti Raeliani hanno conosciuto online dei cittadini provenienti da quei Paesi "presumibilmente pericolosi", e sempre queste persone si sono poi rivelate essere, molto semplicemente, proprio come noi.

Contattateli voi stessi se volete! Internet è un mezzo meraviglioso, che fa da ponte tra i cittadini di ogni nazione poiché ci connette tutti, ricordandoci che "noi siamo uno". Non sorprende che i politici ed i leader religiosi (anche nella "libera America") cerchino sempre più di censurare Internet. Essi sanno che se ci colleghiamo gli uni agli altri, rimarranno senza lavoro.

E per restare in tema... ci sono diversi esempi di grandi personaggi che hanno visto le differenze politiche e religiose sotto questo stesso punto di vista. Sono persone che provengono da diversi Stati (alcuni sono addirittura dei politici!) e che, a rischio della propria carriera, parlano a favore dei diritti umani, disinteressandosi di ciò che è politicamente corretto. Queste persone sono nominate "Guide Onorarie" del Movimento Raeliano dal Profeta Rael, per le loro azioni d'amore e compassione. Il più recente di essi è il direttore d’orchestra israeliano Daniele Barenboim. Potete leggere di lui e di molti altri proprio qui, su Raelianews.