RAEL: “ECCO PERCHÈ SOSTENGO IL MOVIMENTO OCCUPY WALL STREET E LA RIVOLUZIONE MONDIALE”


07 nov, 2011
 Nessuno    Politica

Rael, commentando il recente libro di Niall Ferguson, "Civiltà: l'Occidente e il Resto", lo ha definito "estremamente accurato" ed ha lodato la qualità analitica dell'autore.


world_revolution.jpg

Rael, commentando il recente libro di Niall Ferguson, "Civiltà: l'Occidente e il Resto", lo ha definito "estremamente accurato" ed ha lodato la qualità analitica dell'autore.

In una recente intervista, Ferguson, professore di storia alla Scuola delle Arti di Harvard, ha descritto la straordinaria inversione della fortuna economica tra "l'Occidente e il Resto", ed ha spiegato come il predominio occidentale stia per finire sotto i nostri occhi. Come esempio, ha citato il tentativo della scorsa settimana da parte dell'Europa di ottenere un piano di salvataggio dalla Cina. In questo tentativo, il leader del Fondo Europeo per la Stabilità Finanziaria è volato a Pechino in cerca d'investitori cinesi disposti a sostenere le finanze europee.

Dopo aver appreso la notizia, Rael ha dichiarato: " Per tutti quei paesi del mondo che hanno subito la colonizzazione, è giunto il momento di ottenere la propria vendetta nei confronti dell'Occidente. Dopotutto, è giusto che i popoli asiatici, che rappresentano quasi la metà dell'Umanità, governino il mondo al posto degli Stati Uniti, che rappresentano solo il 5% della popolazione mondiale, o al posto dei paesi ex-colonialisti - il Regno Unito, la Francia, l'Olanda, la Spagna e il Portogallo - che insieme rappresentano una percentuale ancor minore rispetto a quella degli Stati Uniti".

Ha poi aggiunto: "La sola superiorità di questi paesi ex-colonialisti era l'uso della forza bruta e di un provvisorio vantaggio scientifico al fine di schiavizzare e saccheggiare il mondo intero. E tuttora lo stanno facendo in Africa!".

Rael ha detto che mentre si rallegra per la caduta dell'Occidente, è allo stesso tempo preoccupato per la possibilità di una terza guerra mondiale.

"Speriamo che le potenze occidentali che sono umiliate economicamente dalle loro ex-vittime, non decidano di utilizzare l'unico vantaggio che è rimasto loro, ovvero la superiorità militare - in particolare la superiorità nucleare - per cercare d'invertire la tendenza e far scoppiare una terza guerra mondiale, che rappresenta l'unica soluzione per salvare il dollaro e l'euro. Anche Cina, India e Russia sono però delle potenze nucleari e stanno rapidamente modernizzando le loro difese militari. Qualsiasi tentativo da parte dell'Occidente d'invaderli, come vorrebbero fare alcuni guerrafondai fra forze armate degli Stati Uniti, non solo porterà ad una catastrofe mondiale, ma anche ad una terribile sconfitta dalla quale l'Occidente non potrà mai più risollevarsi. Le nazioni occidentali verranno relegate ad un livello di sviluppo da Terzo Mondo. Seicento milioni di occidentali finanziariamente in crisi non hanno alcuna speranza di competere contro tre miliardi di asiatici ricchi".

In conclusione, Rael ha detto di sperare ancora che la pace prevarrà e che, come giusta punizione per i suoi crimini passati, l'Occidente accetti con umiltà il suo nuovo status di mondo sottosviluppato. Ha aggiunto di sperare che l'Occidente deciderà di promuovere l'istituzione di un governo mondiale, piuttosto che far scoppiare una guerra. Tutto questo rappresenterebbe il preludio all'instaurazione del Paradismo (visitare il sito www.paradismo.it/web/) dove un nuovo governo planetario sarebbe costituito da una federazione di province totalmente indipendenti e realizzate a misura d'uomo.

"L'unico ostacolo al Paradismo è l'avidità dei super ricchi e delle banche, che vogliono mantenere il potere che hanno ottenuto grazie alle fortune rubate, mentre rendono schiava la stragrande maggioranza", Rael ha concluso. "Ecco perché sostengo totalmente il movimento OWS e una nuova, totale, rivoluzione mondiale".


 




Questa notizia è daRaelianews
https://it.raelianews.org/rael-ecco-perche-sostengo-il-movimento-occupy-wall-street-e-la-rivoluzione-mondiale.html