Un "Ospedale del Piacere" in Burkina Faso per ripristinare il funzionamento del clitoride nelle donne escisse.


16 mag, 2007
 Nessuno    Mondo

Nella foto, da sinistra a destra: Banemanie, responsabile per Clitoraid in Burkina Faso - Fahir, la prima donna sottoposta ad intervento grazie a Clitoraid - Abibata, che sta viaggiando in tutto il paese per informare le donne e le giovani studentesse sulla possibilità di ricostruzione del clitoride.


Pierre Bobo Rn Nella foto, da sinistra a destra: Banemanie, responsabile per Clitoraid in Burkina Faso - Fahir, la prima donna sottoposta ad intervento grazie a Clitoraid - Abibata, che sta viaggiando in tutto il paese per informare le donne e le giovani studentesse sulla possibilità di ricostruzione del clitoride. Le vediamo ritratte insieme alle pietre estratte e portate sul luogo dove sorgerà l’ospedale.

Ad un anno dal lancio della campagna “Adotta un Clitoride”, Clitoraid - un'organizzazione senza scopo di lucro con base a Las Vegas - sta per porre in Burkina Faso la prima pietra di un ospedale unico nel suo genere, la cui attività primaria sarà la restituzione del senso del piacere alle donne escisse. In questa nuova struttura, centinaia ed eventualmente migliaia di donne potranno essere sottoposte ad un intervento chirurgico di ricostruzione del proprio organo sessuale, mutilato contro la loro volontà durante l'infanzia.
Secondo una tradizione barbara che ancora persiste in alcune parti del mondo, delle bambine sono costrette a subire una procedura estremamente dolorosa che prevede l’escissione del loro clitoride. L'atto viene eseguito senza anestesia e viene spesso realizzato da parenti femminili, loro stesse le prime vittime della pratica.
Circa 135 milione di donne in tutto il mondo sono vittime di questa inumana tradizione. Fino ad ora, a danno compiuto, davvero poco poteva essere fatto per aiutarle a raggiungere quel piacere sessuale conosciuto invece dal resto dell'umanità.
La campagna per la costruzione dell'Ospedale del Piacere ebbe inizio dopo che un chirurgo francese, il dott. Pierre Foldes, annunciò di aver messo a punto un’innovativa tecnica per restituire la sensibilità sessuale alle donne che erano state mutilate del proprio clitoride.

La storia di Clitoraid ed il programma “Adotta un Clitoride”
Venuto a sapere del lavoro del dott. Foldes, Rael - leader spirituale del Movimento Raeliano - decide di aiutare il maggior numero possibile di vittime dell’escissione attraverso la creazione di un’associazione pensata a questo scopo: Clitoraid.
Rael afferma spesso che salvare le donne equivale a salvare l’umanità, poiché il nostro futuro non può prescindere dalla femminilità. Grazie all’incoraggiamento di Rael e all’aiuto di alcuni benefattori, nasce così Clitoraid ed il suo programma “Adotta un Clitoride”, pensato non per aiutare un numero limitato di donne, ma per finanziare la costruzione di una struttura sanitaria specializzata, unica nel suo genere, all'interno della quale le donne di ogni nazionalità e religione potessero riottenere la sensibilità del proprio clitoride.

 




Questa notizia è daRaelianews
https://it.raelianews.org/un-ospedale-del-piacere-in-burkina-faso-per-ripristinare-il-funzionamento-del-clitoride-nelle.html