Raël riceve un ultimo messaggio per il popolo Ebraico


22 apr, 2009
 Nessuno    Filosofia

Il 12 aprile 2009, 4a giornata piena della Pessah (Pasqua), Raël, capo spirituale del Movimento Raëliano, ha ricevuto un messaggio da Yahveh, il leader del gruppo di scienziati extraterrestri che hanno creato ogni forma di vita sulla Terra.


original_symbol.jpg

Il 12 aprile 2009, 4a giornata piena della Pessah (Pasqua), Raël, capo spirituale del Movimento Raëliano, ha ricevuto un messaggio da Yahveh, il leader del gruppo di scienziati extraterrestri che hanno creato ogni forma di vita sulla Terra.

Ecco, in tutta la sua ampiezza, L’ULTIMO MESSAGGIO DI YAHVEH AL POPOLO EBRAICO : « VOI DOVETE ESSERE SIA SIONISTI CHE PAELSTINESI, O NON POTRETE PIU' ESSERE IL POPOLO ELETTO »

« Io Yahweh , attraverso la bocca del mio Profeta, RAEL, il vostro atteso Messiah, vi invio questo ultimo messaggio nel giorno della Pasqua ebraica 5769, un evento particolarmente speciale poiché coincide con il Birkat HaChama, che vi ricorda la creazione della vita sulla Terra da parte nostra. I primi Messaggi che RAEL vi trasmise avevano lo scopo di ricordarvi che era giunto il tempo di far ritorno nella terra d’Israele.

Ma questo non voleva affatto dire che dovevate rubare la terra e le case dei Palestinesi e che dovevate massacrarli. Voi dovevate essere SIA Sionisti CHE Palestinesi.
Dovevate tornare in Terra Santa in modo pacifico, non-violento, così da essere accolti fraternamente e con amore dalle persone che vi risiedono, che sono geneticamente vostri fratelli. Condividendo le meravigliose risorse acquisite durante i secoli della diaspora con il talento delle popolazioni locali, avreste potuto creare uno Stato ricco e potente, che sarebbe stato d’esempio per il mondo intero.

Questa era la vostra Sacra Missione. Invece, avete rubato le terre, le case e le proprietà dei Palestinesi, li avete costretti ad un esilio di massa, avete impedito loro di ritornare nelle proprie case, li avete costretti a vivere in campi di concentramento, dove li avete recentemente bombardati compiendo un genocidio, che ha trasformato il Popolo Eletto in un popolo criminale che agisce contro l’umanità e che ha tradito la sua missione, mentre doveva essere un esempio ed una Guida Spirituale per l’umanità.

Avete creato uno Stato dove regnano razzismo e discriminazione, proprio voi che per secoli avete terribilmente sofferto questo flagello e che sapete meglio di chiunque altro quanto ciò sia spregevole ed intollerabile. Secoli di sofferenza, esilio e l’ultimo sacrificio della Shoah hanno suscitato nei vostri confronti sentimenti di compassione da tutto il mondo, che era pronto ad aiutarvi a trovare sicurezza nella Terra Promessa così come annunciato. Le Nazioni della Terra vi avrebbero sostenuto nella creazione di uno Stato palestinese multirazziale e multiculturale, che sarebbe stato d’esempio per il mondo intero. Invece, avete usato la violenza per imporre uno Stato razzista e violento, che disprezza la vita ed i diritti di tutti i non-Ebrei e che è diventato come un cancro per l’umanità, uno Stato che a voi, come Popolo Eletto, era stato affidato perché lo guidaste verso più amore, non-violenza, tolleranza e coscienza.

Avete totalmente tradito la vostra missione spirituale, l’unica che giustificasse il vostro ritorno nella terra d’Israele. Poiché essere Sionisti senza essere spirituali e religiosi è puro razzismo ed è totalmente inaccettabile. Voi soli avete il diritto ed il dovere di essere sia Sionisti che Palestinesi.

Lo Stato mostruoso e criminale che avete creato è condannato a scomparire in fretta e gli Ebrei che tenteranno di proteggerlo dall’interno o dall’esterno saranno maledetti per sempre e perderanno il diritto di definirsi Ebrei, ovvero non faranno più parte del Popolo Eletto. Lo Stato d’Israele deve scomparire ed essere sostituito da uno Stato palestinese dove Ebrei e Palestinesi possano vivere in armonia, dove i due popoli accetteranno reciprocamente il diritto di ritorno degli
Ebrei e dei Palestinesi dalle due diaspore, in uno sforzo totale di perdono reciproco, che sarà il più bell’esempio di amore e fratellanza che si possa immaginare per tutta l’Umanità.

Solo quegli Ebrei che, nel passato e fino ad oggi, hanno combattuto dall’interno e dall’esterno d’Israele contro il razzismo sionista, contro la creazione dell’attuale Stato razzista d’Israele, manterranno il loro diritto di essere Ebrei, ovvero degni di far parte del Popolo Eletto. Quanto agli altri, li vomito dalla mia bocca. Non sono nemmeno uguali agli altri popoli non-eletti. Sono inferiori ad ogni essere vivente della creazione. Non sono neppure al livello degli animali. Come tali, non meritano di vivere nella terra d’Israele e loro ed i loro figli per 7 generazioni sono condannati ad un esilio eterno, ad una permanente diaspora.

Coloro che oggi, leggendo questo Messaggio, comprendono i propri errori ed iniziano a militare in favore di un sionismo palestinese, ovvero per il ritorno della terra d’Israele ad uno Stato multirazziale e multiculturale, dove Musulmani, Cristiani ed Ebrei possano vivere in armonia e con pari diritti, questi saranno perdonati per i loro crimini. Voi, Ebrei della diaspora, che siete sufficientemente spirituali e religiosi da aver avuto la coscienza di non esservi associati ai crimini
sionisti, vi dico che è tempo di preparare il vostro ritorno nella terra d’Israele, una volta che questa terra sarà divenuta pacificamente uno Stato palestinese multiculturale.

Infine, per accelerare questo processo, dovete tutti agire congiuntamente per preparare la costruzione del Terzo Tempio, la Nostra Ambasciata, ed il glorioso ritorno del nostro amatissimo figlio, del nostro ultimo e finale messaggero, il Messiah Rael, che porterà secoli di pace sulla Terra con il nostro ritorno.
Ogni minuto è importante, e ricordate che non potete dire che non vi avevamo avvertiti. Mentre alcuni dei nostri precedenti Messaggi inviati tramite i nostri Profeti del passato vi hanno concesso dei secoli per portare a termine quanto chiedevamo, questo vi concede solo pochi anni, o addirittura mesi.
Ancora una volta, è tempo di abbandonare la dura cervice e di tornare ad essere con umiltà il vero Popolo Eletto, il popolo d’amore, verità e non-violenza sulla via che Io, Yahweh, vostro Creatore, ho tracciato per voi. Questa via che conduce alla Terra Promessa, che è in verità un intero pianeta e non un pezzo di terra delimitato da frontiere»
«Amen»