Rael conferisce a Kenneth O'Keefe il titolo di "Guida Onoraria dell'Umanità"


17 nov, 2014
 Nessuno    Medio Oriente

LAS VEGAS, 25 OTTOBRE - Rael, leader spirituale e fondatore del Movimento Raeliano Internazionale (MRI), ha elogiato l'attivista pacifista irlandese-palestinese Kenneth O'Keefe e gli ha conferito il titolo di "Guida Onoraria dell'Umanità", secondo un comunicato diffuso oggi dal MRI


LAS VEGAS, 25 OTTOBRE - Rael, leader spirituale e fondatore del Movimento Raeliano Internazionale (MRI), ha elogiato l'attivista pacifista irlandese-palestinese Kenneth O'Keefe e gli ha conferito il titolo di "Guida Onoraria dell'Umanità", secondo un comunicato diffuso oggi dal MRI.

"Solo chi antepone il bene di tutta l'Umanità ai propri interessi personali - o anche alla propria sicurezza - può ricevere l'onore di essere insignito del titolo di Guida Raeliana ad Honorem", ha dichiarato la portavoce del MRI, Brigitte Boisselier.

Ha spiegato che la posizione contraria alla guerra e alla violenza di O'Keefe è stata la motivazione principale per cui Rael ha deciso di conferirgli il titolo di Guida Onoraria.

"Nulla al mondo deve essere ottenuto con la violenza", ha detto recentemente Rael nel commentare le notizie di nuovi attacchi occidentali in Siria e Iraq. "La violenza può dare per breve tempo l'illusione del successo, come il famoso e divertente proclama di vittoria in Iraq da parte di George Bush. Ma per gli sconfitti, la violenza genera più rancore, odio e desiderio di vendetta".

In un'altra occasione, Rael ha commentato: "Guerra e violenza generano soltanto più guerra e violenza".

La Boisselier ha detto che le recenti affermazioni di O'Keefe, in occasione di un dibattito televisivo sulle azione intraprese dagli Stati Uniti contro la Siria in cui ha definito l'Occidente "il più grande terrorista del pianeta", sono totalmente condivise dai raeliani.

"O'Keefe ha affermato che gli Stati Uniti non hanno alcun diritto di punire un qualsiasi paese dopo che hanno reso orfani milioni di bambini, provocato enormi distruzioni e causato la morte di innumerevoli civili in Iraq, Vietnam e altri luoghi", ha detto la Boisselier.

Ha poi aggiunto che O'Keefe ha pubblicamente tentato di rinunciare alla sua cittadinanza statunitense ed è stato espulso dal corpo dei Marines degli Stati Uniti per aver denunciato l'abuso di potere da parte dei suoi comandanti durante la Guerra del Golfo.

Ha anche rischiato molte volte la sua vita per proteggere gli altri.

"Nel 2002 ha guidato l'azione "Human Shield", in cui civili occidentali si sono volontariamente posizionati presso postazioni irachene che potevano rappresentare possibili bersagli da bombardare", ha detto la Boisselier. "Nel 2010 ha inoltre contribuito a disarmare i commandos israeliani e partecipato all'organizzazione della "Road to Hope", il convoglio di aiuti umanitari destinati alla striscia di Gaza. Egli si è veramente guadagnato questa sua nuova onorificenza".