Sono sempre più numerose le prove che confermano i Messaggi raeliani


27 ott, 2012
 Nessuno    Insegnamenti

LAS VEGAS, 24 ottobre - Secondo una dichiarazione rilasciata questa mattina dal Movimento Raeliano Internazionale (MRI), i Messaggi ricevuti da Rael, leader spirituale del MRI, direttamente dagli Elohim, gli esseri umani provenienti da un altro pianeta che egli incontrò nel 1973 e 1975, contengono una vasta gamma d’informazioni che riguardano ogni aspetto della nostra vita.


native.jpg

LAS VEGAS, 24 ottobre - Secondo una dichiarazione rilasciata questa mattina dal Movimento Raeliano Internazionale (MRI), i Messaggi ricevuti da Rael, leader spirituale del MRI, direttamente dagli Elohim, gli esseri umani provenienti da un altro pianeta che egli incontrò nel 1973 e 1975, contengono una vasta gamma d’informazioni che riguardano ogni aspetto della nostra vita.

"Se la maggior parte delle previsioni fatte da Rael sulla base dei Messaggi degli Elohim sono state considerate ridicole dagli scienziati negli anni ‘70, con il passare del tempo sono diventate invece sempre più attuali", ha detto Brigitte Boisselier, portavoce del Movimento Raeliano. "Concetti quali la clonazione, il trasferimento della memoria, gli spostamenti ad una velocità superiore di quella della luce e l'infinità dell’universo sono stati descritti nei Messaggi che questi avanzati extraterrestri hanno trasmesso a Rael, ma nessuno di questi è stato preso in considerazione negli anni ‘70", ha detto la Boisselier. "Ora, sono invece di stretta attualità e la loro veridicità è stata o già dimostrata o accettata come 'probabile’ dalla maggioranza. Non passa settimana senza che vi siano ulteriori prove a conferma di ciò che gli Elohim trasmisero a Rael".

Ha poi continuato fornendo un esempio.

"E' stata pubblicata la notizia che i nativi americani non erano autorizzati a portare i capelli lunghi dopo essersi arruolati nell’esercito, durante la guerra in Vietnam. Ma come rilevatori di tracce, avevano invece l'obbligo di portarli lunghi", ha spiegato la Boisselier. "Secondo quanto appreso, se alle reclute venivano tagliati i capelli come da disposizioni militari, non potevano più 'percepire' il nemico e non avevano accesso al loro 'sesto senso'. Non potevano quindi fare affidamento sulla loro 'intuizione', dal momento che non erano in grado di 'leggere' i segni o accedere a eventuali informazioni extrasensoriali come prima".

La Boisellier ha detto che il rapporto citato in questo articolo è in perfetto accordo con le informazioni fornite dagli Elohim, che hanno spiegato come i capelli funzionino in realtà come delle antenne.

"Gli Elohim hanno spiegato che il cervello umano è come un potente trasmettitore, in grado d'inviare una moltitudine di onde e pensieri molto chiari", ha spiegato la Boisselier. Ha poi citato gli Elohim, dicendo:

"Ecco cos'è la telepatia... Ma questo tipo di trasmettitore richiede delle antenne, e i capelli e la barba sono queste antenne. È per questa ragione che non dovreste tagliare i capelli se volete far uso dei vostri trasmettitori. Avrete sicuramente notato che molti dei vostri scienziati hanno i capelli lunghi, e spesso la barba. L'hanno anche i profeti e altre persone sagge. Ora potete capire perché".

La Boisselier ha detto che gli Elohim hanno anche portato ad esempio la storia biblica di Sansone, che perse i suoi poteri dopo che gli erano stati tagliati i capelli. Li ha così citati:

"Sansone era in grado di comunicare con noi per mezzo della telepatia, grazie alle sue antenne naturali, i capelli. In questo modo, avrebbe potuto chiedere il nostro aiuto nei momenti di difficoltà. Ma quando Dalila gli tagliò i capelli, non riuscì più a chiedere aiuto. Quando i capelli crebbero di nuovo, riottenne la sua 'forza', ovvero poté ancora una volta chiedere aiuto ai Creatori che demolirono il tempio di cui aveva toccato le colonne".

Per ulteriori informazioni sui Messaggi ricevuti da Rael e i suoi straordinari contenuti, visitare il sito www.rael.org.


 




Questa notizia è daRaelianews
http://it.raelianews.org/sono-sempre-piu-numerose-le-prove-che-confermano-i-messaggi-raeliani.html