L'orologio del debito pubblico statunitense raggiunge i 10 mila miliardi


09 ott, 2008
 Nessuno    Politica

Una breve notizia di oggi riporta:


ApUna breve notizia di oggi riporta:
New York (AP) -- L'orologio che visualizza l'ammontare del debito pubblico a New York non è stato in grado di aggiornare la cifra per mancanza di caratteri. Dopo una velocissima riparazione, il carattere digitale del dollaro che compariva sul display dell'orologio vicino a Time Square è stato sostituito, facendo così spazio alla cifra "1" del numero10 mila miliardi. Attualmente, sta segnalando che l'ammontare del debito del governo federale è di circa 10.2 mila miliardi di Dollari. La Durst Organization afferma di voler aggiornare il segnale il prossimo anno, aggiungendo altre due cifre. Ciò permetterà di visualizzare il debito fino a un milione di miliardi di Dollari. Il defunto sviluppatore immobiliare di Manhattan, Seymour Durst, realizzò questo sistema nel 1989 per richiamare l'attenzione su quelli che erano i 2.7 mila miliardi di Dollari di debito.

Rael ha commentato:
“La verità è che gli Stati Uniti d'America non saranno mai legalmente in grado di liberarsi di tale debito, e neanche di pagare una parte degli interessi. Questa è la fine del sistema monetario mondiale così come noi lo conosciamo ed una grande occasione per instaurare un'unica valuta mondiale. Il processo sarà chiaramente molto doloroso, ma ciò aiuterà l'umanità a fare un passo avanti verso la sua ‘planetarizzazione'. Siamo fortunati a vivere questi meravigliosi momenti che ci portano più vicino al processo di ‘Elohimizzazione' predetto dai Messaggi. *
È ora di smettere di affidarsi alle banche ed a quella carta chiamata 'denaro' che i Governi stampano durante la notte, senza che abbia alcun vero valore. Non dimenticate che ci sono molti più dollari fuori dagli Stati Uniti (secondo alcuni fino a 10 volte di più) che nel Paese, e che se tutti li vendessero contemporaneamente, la valuta potrebbe arrivare a perdere fino al 90% del suo valore”.

 




Questa notizia è daRaelianews
http://it.raelianews.org/187.html