Il monumento per i gay in Germania è un buon primo passo... ma...


04 giu, 2008
 Nessuno    Insegnamenti


La Germania ha da poco completato la costruzione di un monumento in memoria delle migliaia di omosessuali che furono perseguitati dal Nazismo tra il 1933 ed il 1945.

GaymemorialLa Germania ha da poco completato la costruzione di un monumento in memoria delle migliaia di omosessuali che furono perseguitati dal Nazismo tra il 1933 ed il 1945. Questo nuovo monumento è stato inaugurato dal sindaco gay di Berlino, Klaus Wowereit, e dal Ministro della Cultura della Germania, Bernd Neumann. Esso si trova accanto a quello costruito in memoria delle sei milioni di vittime dell'Olocausto.

Con la sua solita chiarezza, il Profeta Rael ha sottolineato qualcosa di molto interessante nelle parole del sig. Wowereit, che aveva dichiarato: “Questo è sintomatico per una società... che non abolì degli ingiusti verdetti, ma che almeno parzialmente continuò ad applicarli; una società che non riconobbe un gruppo di persone come vittime, solamente perché queste scelsero un altro stile di vita”.

Rael ha commentato: “In un mondo dove i gay sono ancora fortemente perseguitati, il gesto della Germania di creare un monumento in memoria di coloro che furono uccisi è sicuramente una buona e meritevole iniziativa... ed anche il minimo che si possa dire”.

Rael ha spiegato: "Sarebbe però stato meglio se la Germania avesse costruito un monumento anche in memoria dei Testimoni di Geova vittime del Nazismo, in modo tale da mostrare le analogie tra la politica di Hitler e quella discriminatoria messa in atto in Francia nei confronti delle minoranze religiose, dato che i Testimoni di Geova compaiono nella lista dei 'culti pericolosi' redatta dall'Assemblea francese, dal MIVILUDES del Governo e dall'ADFI sponsorizzato dallo Stato”.

RAEL ha poi concluso: “Questo sarebbe un ulteriore passo nella giusta direzione, poichè la stessa Germania è responsabile di discriminazione anti-religiosa nei confronti delle minoranze, prima fra tutte Scientology”.