Il peggior rischio che si possa prendere nella vita è quello di non prendere alcun rischio


21 nov, 2008
 Nessuno    Insegnamenti

Martedì, il notiziario della BBC ha riportato la notizia che alcuni praticanti di kayak estremo sono stati minacciati di denuncia per esser scesi lungo le rapide del Llyn Brianne, un bacino idrico di 83 metri di profondità nel Galles occidentale, che contiene più di 58 miliardi di litri d'acqua.


KayakerMartedì, il notiziario della BBC ha riportato la notizia che alcuni praticanti di kayak estremo sono stati minacciati di denuncia per esser scesi lungo le rapide del Llyn Brianne, un bacino idrico di 83 metri di profondità nel Galles occidentale, che contiene più di 58 miliardi di litri d'acqua. Da diversi anni, il luogo attrae i kayakers amanti del rischio.

Welsh Water, l'azienda proprietaria di questo sito, ha affermato alle telecamere della BBC che intende vietare tali attività nel bacino idrico e che agirà contro chiunque venisse trovato a violare questa limitazione.

"Questo è ancora un altro attacco alla libertà individuale da parte di rigidi amministratori", ha commentato Rael in una dichiarazione rilasciata oggi. "Ogni individuo ha il diritto fondamentale di mettere in pericolo la propria vita scalando montagne, navigando gli oceani, guidando vetture da corsa o partecipando a qualunque altro eccitante e rischioso sport".

Egli ha affermato che le conseguenze negative che derivano dal non prendere dei rischi sono maggiori dei benefici che può apportare una vita sicura ma che instupidisce.

"Il peggior rischio che si possa prendere nella vita è quello di non prendere alcun rischio", ha dichiarato Rael. "La natura igenizzata e sterilizzata della nostra attuale civiltà fa somigliare le persone a dei consumatori-zombi eccessivamente protetti che si comportano come dei robot. Ad esempio, l’azienda proprietaria del bacino idrico ha affermato che la sua restrizione ha per obiettivo quello d'impedire ai kayakers di mettere a repentaglio la vita di altre persone. Bene, chi sono queste altre persone di cui parla? Non vi è nessun altro in quelle acque. Invece di condannare quest’attività, l'azienda dovrebbe sponsorizzare i kayakers. Ciò rappresenterebbe un meraviglioso esempio da seguire per le giovani generazioni".

Rael ha affermato di voler incoraggiare i giovani a prendere rischi simili a quelli presi dai kayakers di cui si parla nel servizio della BBC, ed anche rischi legati alle arrampicate degli edifici, alla caduta libera o a qualunque altro sport estremo.

"Tali traguardi sviluppano maggiormente delle forti personalità e ancor più motivano i giovani ad intraprendere nuove sfide", ha detto Rael.