Il Movimento Raeliano Peruviano suggerisce a tutti gli omosessuali di apostatare dalla Chiesa Cattolica


09 mar, 2011
 Nessuno    Sud America

Dopo i recenti commenti del Vescovo cattolico Peruviano Luis Bambaren, che ha definito in maniera offensiva gli omosessuali “froci” e che ha negato loro ancora una volta il diritto ad un’unione relgiosa perché “il matrimonio viene da Dio ed è tra un uomo e una donna” (video: http://www.youtube.com/watch


Dopo i recenti commenti del Vescovo cattolico Peruviano Luis Bambaren, che ha definito in maniera offensiva gli omosessuali “froci” e che ha negato loro ancora una volta il diritto ad un’unione relgiosa perché “il matrimonio viene da Dio ed è tra un uomo e una donna” (video: http://www.youtube.com/watch?v=le6XzRTB70c&feature=player_embedded#at=49), Marco Sevilla, guida nazionale del Movimento Raeliano Peruviano, ha incoraggiato tutti gli omosessuali Peruviani ad apostatare dalla Chiesa Cattolica.

“Le affermazioni del vescovo Bambaren dimostrano una mancanza d’amore verso gli esseri umani e mettono in risalto, ancora una volta, quanto sia primitiva ed intollerante l’ideologia cattolica. Le sue scuse non riparano il danno già fatto da questo irresponsabile capo religioso, poiché le sue affermazioni hanno promosso l’omofobia e la mancanza di rispetto verso tutta la comunità omosessuale in Perù e nel mondo” ha commentato Sevilla.

Raël, leader spirituale del Movimento Raeliano, ci spiega nel suo libro “Intelligent Design, Message from the Designers” (download gratuito su www.rael.org ) che Dio non esiste e che siamo stati creati da esseri umani venuti da un altro pianeta che sono stati presi erroneamente per degli dei. Essi ci esortano a vivere pienamente la nostra sessualità, quale che sia il nostro orientamento. Raël annunciò più di 35 anni fa che l’omosessualità è genetica, e la scienza ha recentemente confermato questa sua affermazione.

“Il matrimonio non viene da Dio e non è esclusivamente tra un uomo e una donna. Viene da due esseri umani che si amano reciprocamente e che decidono di vivere insieme, indipendentemente dal loro sesso” ha spiegato Sevilla. “Quando capiamo che Dio non esiste e vediamo che la legge in alcuni Paesi consente il matrimonio civile tra persone dello stesso sesso, possiamo allora realizzare che il matriomnio religioso diventa irrilevante e che in futuro sarà completamente obsoleto”.

Raël ha creato l’Associazione Raeliana per le Minoranze Religiose (Aramis – www.raeliangay.org ) dove bisessuali, omosessuali, transessuali e intersessuali vivono pienamente la propria libertà sessuale con rispetto e coscienza.

“Sono molti i Raeliani di diverso orientamento sessuale che si uniscono attraverso la cerimonia del matrimonio Raeliano e che, nel momento in cui non si sentono più felici insieme, sono liberi di divorziare mantenendo un rapporto armonioso”, ha aggiunto Sevilla. “Gli omosessuali sarebbero molto più felici e realizzati se vivessero al di fuori dalla religione Cattolica che li discrimina per via del loro orientamento sessuale”, ha concluso Sevilla.