Tecnologia

Il progetto AVATAR di Istkov: un passo verso l'immortalità umana come previsto da Rael


26 lug, 2012
 Nessuno    Tecnologia


LAS VEGAS, 21 luglio - Secondo una dichiarazione rilasciata oggi dal Movimento Raeliano Internazionale (MRI), Rael, leader e fondatore spirituale del MRI, ha espresso il proprio entusiastico sostegno all'imprenditore russo Dmitry Itskov, che ha recentemente annunciato il lancio del progetto AVATAR, che offrirà a persone facoltose la possibilità di trapiantare il proprio cervello nel corpo di robot entro 10 anni

LAS VEGAS, 21 luglio - Secondo una dichiarazione rilasciata oggi dal Movimento Raeliano Internazionale (MRI), Rael, leader e fondatore spirituale del MRI, ha espresso il proprio entusiastico sostegno all'imprenditore russo Dmitry Itskov, che ha recentemente annunciato il lancio del progetto AVATAR, che offrirà a persone facoltose la possibilità di trapiantare il proprio cervello nel corpo di robot entro 10 anni.

"Secondo varie fonti, Itskov ha assunto 30 scienziati per raggiungere questo obiettivo", ha detto Brigitte Boisselier, portavoce del Movimento Raeliano Internazionale. "Egli spera di collaborare con la Defense Advanced Research Projects Agency, che sta già cercando il modo per offrire ai soldati la possibilità di controllare androidi utilizzando la propria mente".

Ma questo concetto non è nuovo per i Raeliani, ha sottolineato la Boisselier.

"Il trapianto di un cervello in un nuovo corpo è uno dei passaggi verso l'immortalità umana che Rael descrisse quasi 40 anni fa", ha spiegato. "Egli fece questa predizione nel suo libro Il Messaggio degli Extraterrestri, pubblicato nel 1974, che poi l'approfondì in un altro libro, Sì alla Clonazione Umana, pubblicato nel 2001".

Secondo la Boisselier, la possibilità di raggiungere la vita eterna attraverso la clonazione (la ricreazione scientifica di un essere umano) in aggiunta al trasferimento della personalità nel nuovo corpo clonato, è uno dei principi della filosofia raeliana. Ma deve ancora ottenere la piena accettazione da parte della società, ha detto.

"Il nostro punto di vista sulla clonazione umana ha provocato 10 anni fa grandi dibattiti e il divieto per legge della clonazione umana, quando il primo clone umano stava per nascere", ha dichiarato la Boisselier. "Per i Raeliani, non c'è nessun dio e nessuna vita ultraterrena. Noi esseri umani siamo stati creati da scienziati extraterrestri molto avanzati. Ma alcune cose dobbiamo realizzarle da soli. L'unico modo per vivere eternamente è quello di ricreare scientificamente i nostri corpi e le nostre personalità su questa Terra, che è destinata a divenire il nostro paradiso".

La Boisselier, che dirige due società - Clonaid e Stemaid - ha detto che la maggior parte dei progressi scientifici previsti da Rael, compresa la clonazione umana, il viaggiare più velocemente della luce e la dimostrazione dell'esistenza di particelle ancora più piccole all'interno di quella precedentemente considerata la più piccola, si stanno oggi verificando, proprio come previsto.

"Le profezie di Rael, definite fino a poco tempo fa come fantasie fantascientifiche, sono destinate a diventare una realtà entro il 2035, momento in cui conosceremo tutti i grandi principi scientifici", ha detto. "Siamo grati a imprenditori come Istkov per il loro aiuto nel far sì che questo accada anche prima di quanto previsto. Gli specialisti di clonazione della società Clonaid, basata sulle predizioni di Rael, sarebbero più che felici di collaborare con gli scienziati del progetto AVATAR".