Tecnologia

Le parole del Primo Ministro indiano sostengono le dichiarazioni Raeliane riguardo all'esistenza di un'antica scienza genetica


04 nov, 2014
 Nessuno    Tecnologia


LAS VEGAS, 29 OTTOBRE - In un recente discorso tenuto in un ospedale di Mumbai, il primo ministro indiano Narendra Modi ha parlato di Karna, un antico guerriero, e Ganesha, una divinità indù dalla testa di elefante, per rafforzare la sua opinione circa la presenza in India di scienziati molto progrediti migliaia di anni fa

LAS VEGAS, 29 OTTOBRE - In un recente discorso tenuto in un ospedale di Mumbai, il primo ministro indiano Narendra Modi ha parlato di Karna, un antico guerriero, e Ganesha, una divinità indù dalla testa di elefante, per rafforzare la sua opinione circa la presenza in India di scienziati molto progrediti migliaia di anni fa.

"Il primo ministro Modi ha fatto riferimento ad un'antica conoscenza delle cellule staminali, della chirurgia estetica e della genetica riproduttiva", ha dichiarato Brigitte Boisselier, PhD, portavoce del Movimento Raeliano Internazionale (MRI). "Questa versione indù del nostro passato si sposa perfettamente con la filosofia raeliana, in cui si afferma che i nostri antenati erano in contatto con gli scienziati extraterrestri che ci crearono migliaia di anni fa".

La Boisselier ha spiegato che questi scienziati e creatori molto avanzati condivisero alcune delle loro conoscenze con i nostri antenati.

"Ma quella conoscenza è andata lentamente perduta. Oggi però abbiamo finalmente raggiunto quello stesso livello scientifico", ha detto.

Ha poi continuato citando alcuni dei commenti del primo ministro Modi:

"Sappiamo che il Mahabharata dice che Karna non è nato dal grembo di sua madre", ha detto Modi. "Questo vuol dire che all'epoca vi erano delle conoscenze nel campo della genetica, il che spiegherebbe il motivo per cui Karna sarebbe nato fuori dal ventre materno".

"Egli [Modi] ha parlato di genetica riproduttiva e clonazione umana, che sono solo alcuni degli alti principi scientifici che i nostri creatori, gli Elohim, hanno illustrato più di 40 anni fa a Rael, leader spirituale del Movimento Raeliano", ha detto la Boisselier. "All'epoca, gli Elohim dissero a Rael che eravamo vicini a raggiungere quella conoscenza che ci avrebbe aiutato a comprendere la verità: i nostri creatori non sono degli dèi onnipotenti, ma esseri umani che posseggono quelle stesse tecniche scientifiche di cui presto saremo anche noi padroni".

La Boisselier ha poi citato i riferimenti fatti dal primo ministro a proposito di antiche conoscenze astronomiche:

"Se parliamo di scienza spaziale, i nostri antenati avevano raggiunto un alto livello di conoscenza anche nel campo dell'astronomia", ha detto Modi. "Quello che alcune persone come Aryabhata dissero secoli fa, è stato riconosciuto come valido dalla scienza attuale".

"L'induismo è stata la prima filosofia nella storia dell'Umanità a raccontare del contatto che i popoli antichi ebbero con gli avanzati scienziati che crearono ogni forma di vita sulla Terra", ha detto la Boisselier. "È importante che, per la prima volta, un Primo Ministro indiano abbia avuto il coraggio di sostenere la nostra affermazione secondo cui delle avanzate tecniche scientifiche furono sperimentate già migliaia di anni fa sulla Terra. Egli ha contribuito notevolmente ad una delle principali missioni raeliane: demistificare la figura degli antichi dèi e rivelare chi essi erano veramente: degli esseri umani che possedevano delle conoscenze molto avanzate".