Insegnamenti

Sempre più dati scientifici confermano la filosofia raeliana, mentre si avvicina il 40° anniversario del primo incontro di Rael con gli Elohim


15 nov, 2013
 Nessuno    Insegnamenti


  LAS VEGAS, 7 novembre - In vista del 40° anniversario del primo incontro che Rael ebbe nel 1973 con gli scienziati extraterrestri che crearono ogni forma di vita sulla Terra, gli scienziati raeliani stanno raccogliendo sempre più prove che confermano la teoria del creazionismo ateo, ovvero del Raelismo, ed il concetto d’infinito, pilastro della filosofia raeliana

  LAS VEGAS, 7 novembre - In vista del 40° anniversario del primo incontro che Rael ebbe nel 1973 con gli scienziati extraterrestri che crearono ogni forma di vita sulla Terra, gli scienziati raeliani stanno raccogliendo sempre più prove che confermano la teoria del creazionismo ateo, ovvero del Raelismo, ed il concetto d’infinito, pilastro della filosofia raeliana.

“Uno dei principi fondamentali che gli Elohim ci hanno trasmesso, è che l'universo è infinito in tutte le direzioni”, ha spiegato la Dott.ssa Brigitte Boisselier, portavoce del Movimento Raeliano Internazionale (MRI), in un comunicato diffuso oggi. “Tale concetto è stato fortemente criticato dai rappresentanti della scienza ufficiale. Sulla base delle osservazioni limitate che sono stati in grado di fare, essi ritengono che ci siano dei limiti all’universo, nello spazio e nel tempo; la loro percezione sta però cambiando”

La Dott.ssa Boisselier ha sottolineato che lo scorso maggio Laura Mersini-Houghton, fisico teorico presso l'Università del North Carolina a Chapel Hill, ha registrato delle anomalie nella distribuzione delle radiazioni nell'universo, anomalie che non possono essere spiegate con l'attuale modello fisico. Nel 2005, la Dott.ssa Mersini-Houghton aveva supposto l’esistenza di anomalie nelle radiazioni e ipotizzato che fossero causate dall'attrazione gravitazionale di altri universi. Ella afferma ora che la sua ultima analisi dei dati conferma quanto da lei previsto, ovvero che queste anomalie sono causate da altri universi che esercitano delle forze sul nostro.

Rael, leader spirituale del Movimento Raeliano, ha accolto con favore l'annuncio della Dott.ssa Mersini-Houghton in un comunicato diffuso oggi.

“Questa è la prima prova concreta che conferma la natura infinita dell'universo”, egli ha detto, ma ha aggiunto che "gli scienziati si sbagliano nell’interpretare queste prove".

“Quello che stanno osservando non è la presenza di altri universi, ma la presenza di altri gruppi di galassie, che erroneamente chiamano altri universi”, ha spiegato Rael. Egli ha poi sottolineato che l'universo è comunemente definito come la totalità dell'esistenza, di cui fanno parte pianeti, stelle, galassie, il contenuto dello spazio intergalattico, tutta la materia e l'energia.

“L'etimologia della parola universo è chiara”, ha proseguito Rael, “significa il mondo intero oppure cosmo, dalla vecchia parola francese univers, che deriva dal latino universum. Universo significa tutto insieme, letteralmente trasformato in uno, da unus, che significa uno. Affermare che ci sono molti universi è tanto stupido quanto dire che ci sono molti tutto. Tutto comprende tutto”.

Secondo Rael, gli scienziati ufficiali indulgono anch'essi al bisogno umano di porre dei limiti finiti.

“L'universo è infinito. Il modo in cui questi scienziati parlano di altri universi per soddisfare il loro bisogno di fissare dei limiti non è quindi corretto”, egli ha detto. “C'è un solo universo, che è infinito e comprende tutto. La parola universo è infatti sinonimo di infinito. Anche se c'è un numero infinito di altri gruppi di galassie che esercitano delle forze sul gruppo che ci è più familiare, tutto è parte dell'universo o dell’infinito, che è uno”.

La Dott.ssa Boisselier ha spiegato che questa informazione è stata data a Rael quarant’anni fa, in occasione dell'incontro che egli ha avuto con gli Elohim.

“Durante quell'incontro, gli Elohim hanno trasmesso a Rael molte altre controverse affermazioni scientifiche che sono state in gran parte confermate nel corso degli ultimi vent'anni”, ha detto. “Per esempio, scienziati come Craig Venter hanno confermato che è possibile creare una forma di vita artificiale, e la possibilità di realizzare la clonazione umana è stata confermata nel 1997 e di nuovo nel 2002”.

Egli ha inoltre sottolineato che in Giappone è ormai operativo un utero artificiale, e che degli scienziati russi si stanno preparando alla creazione di un avatar, contemplando la possibilità di trasferire la personalità di un essere umano all’interno di un computer.

“Tutte queste ricerche mettono in evidenza la possibilità di poter presto vivere eternamente grazie alla scienza”, ha detto la Dott.ssa Boisselier. “Rael ha anticipato tutti, poiché ha predetto tutto questo quattro decenni fa, e in modo esatto!”.

La Dott.ssa Boisselier ha aggiunto che una Convention Raeliana Internazionale si terrà a Okinawa, in Giappone, dal 13 al 15 dicembre.

“Le delegazioni di Raeliani provenienti da tutto il mondo si riuniranno in presenza di Rael per festeggiare il successo di questi quarant'anni di Raelismo e preparare il nostro obiettivo finale, la costruzione di un'Ambasciata per accogliere coloro che ci hanno creato a loro immagine”, ha detto.