Insegnamenti

I Raeliani italiani invitano tutti i cittadini a meditare un minuto al giorno per la pace nel mondo


19 set, 2014
 Nessuno    Insegnamenti


17 Settembre 2014 - Rael, leader spirituale del Movimento Raeliano Internazionale (www.rael.org), ha annunciato quest'anno che all'Umanità resta solo una probabilità su cento di sopravvivere

17 Settembre 2014 - Rael, leader spirituale del Movimento Raeliano Internazionale (www.rael.org), ha annunciato quest'anno che all'Umanità resta solo una probabilità su cento di sopravvivere.

Allo stesso tempo, ha però offerto una soluzione, dicendo: "Se tutti sulla Terra dedicassero un solo minuto al giorno a meditare per la pace e l'amore, allora potremmo cambiare il mondo".

Giovanni Ottaviani, portavoce del Moviemento Raeliano e responsabile nazionale della campagna Un minuto di meditazione per la pace, ha dichiarato: "I Raeliani stanno lanciando questa iniziativa su tutto il pianeta, convinti che sia davvero possibile cambiare le cose. I dati scientifici sono dalla nostra parte e siamo sicuri che chiunque dedicherebbe volentieri un minuto del proprio tempo per aiutare il pianeta a intraprendere il cammino della pace".

I Raeliani italiani sostengono che per far ciò è sufficiente concentrarsi sulla pace nel mondo anche solo per un minuto e che tutti possono partecipare a questa iniziativa, indipendentemente dalla propria appartenenza sociale, religiosa o politica. "La pace è qualcosa che ogni persona desidera profondamente - ha detto Ottaviani - e le probabilità di successo aumenterebbero notevolmente se le celebrità di tutto il mondo decidessero di partecipare a questa bella iniziativa, in quanto hanno il potere d'influenzare le masse e soprattutto i leader politici, che hanno nelle loro mani il potere di evitare i conflitti".

Ogni paese può partecipare a una guerra, ma il valore di una società si misura nella sua capacità di evitarla.

I Raeliani affermano che se tutti i soldi spesi per gli armamenti fossero stati investiti per aiutare l'umanità, non ci sarebbero più guerre.

Ottaviani continua: "È ormai chiaro a tutti che l'Umanità si trova a un punto di svolta cruciale. Le nostre possibilità di sopravvivenza sono estremamente basse ed il rischio che la nostra Umanità scompaia a causa di una guerra nucleare sono più alte che mai". Ha poi aggiunto: "Ci sono decine di guerre che si combattono sulla Terra in questo momento e le possibilità che in uno di questi conflitti vengano usate delle armi nucleari sono in aumento. Gli Stati Uniti, la Russia e la Cina da sole possiedono migliaia di testate nucleari, sufficienti a distruggere molte volte ogni forma di vita sulla Terra. Eppure, nonostante ciò, ogni anno quasi 1,8 trilioni di dollari vengono spesi a livello mondiale per la corsa agli armamenti. In Italia, solo nel 2012 sono stati investiti oltre 26 miliardi di euro dei contribuenti per lo stesso scopo, che è una percentuale consistente del suo bilancio totale. Bisogna riflettere su questo. Come dobbiamo riflettere sul fatto che nessuna nazione abbia integrato nei propri governi un Ministero della Pace, a parte il magnifico esempio del Costarica".

Ottaviani ha poi concluso: "I Raeliani sono lieti d'invitare tutti coloro che hanno profondamente a cuore la pace a unirsi a loro domenica 21 settembre in occasione della manifestazione nazionale per la pace che si terrà a Firenze, in P.za Michelangelo, a partire dalle ore 11.00".

La campagna un minuto di meditazione per la pace è stata ideata da Rael nel luglio 2012.