Africa

Un Raeliano francese è stato assassinato in Costa d'Avorio


17 mag, 2011
 Nessuno    Africa


Il portavoce del Movimento Raeliano afferma che Philippe Remond "è stato probabilmente ucciso per ordine dell'esercito francese perchè affermava pubblicamente che i militari francesi non hanno alcun motivo di restare in Costa d'Avorio"

Il portavoce del Movimento Raeliano afferma che Philippe Remond "è stato probabilmente ucciso per ordine dell'esercito francese perchè affermava pubblicamente che i militari francesi non hanno alcun motivo di restare in Costa d'Avorio"

LAS VEGAS, 15 maggio - Secondo quanto dichiarato in una nota rilasciata questa mattina dal Movimento Raeliano Internazionale (MRI), Philippe Remond, un professore dell'Institut National Polytechnique Felix Houphouet Boigny a Yamoussoukro, in Costa d'Avorio, e membro del Movimento Raeliano, è stato trovato ucciso nella sua stanza d'hotel il giorno dopo che le forze di Alassane Ouattara hanno preso il controllo del Paese.

"Philippe Remond era uno di quei cittadini francesi che denunciava regolarmente l'ingerenza della Francia negli affari interni della Costa d'Avorio", ha dichiarato Brigitte Boisselier, portavoce del MRI, aggiungendo che un esempio delle eloquenti proteste realizzate da Remond può essere visionato all'indirizzo www.youtube.com/watch?v=FAmMBPEgJNo

"Quando divenne Raeliano, egli iniziò a diffondere attivamente il pensiero di Rael riguardo al continente africano", ha sottolineato Brigitte Boisselier. "Sui canali televisivi della Costa d'Avorio come in tutti i suoi precedenti comunicati stampa, egli ha sempre condannato l'intervento francese a fianco di Ouatarra (oggi, il nuovo presidente del Paese)".

I membri del Movimento Raeliano in Costa d'Avorio sono sicuri che Remond sia stato assassinato per ordine di Parigi.


Più...