Politica

I Raeliani italiani sostengono il progetto "MAI PIU’ ESERCITI" lanciato da Rael!


17 giu, 2014
 Nessuno    Politica


I Raeliani sono convinti che l'Italia possa indicare al mondo intero la strada verso la pace e la prosperità

I Raeliani sono convinti che l'Italia possa indicare al mondo intero la strada verso la pace e la prosperità

Secondo i dati ufficiali dell'ISTAT, il governo italiano ha investito solo nel 2012 oltre 26 miliardi di euro dei contribuenti in spese militari, nonostante il fatto che il 15,8% della popolazione viva in uno stato di povertà relativa e l'8% in condizioni di povertà assoluta. Si stima inoltre che siano oltre 50.000 gli italiani che non hanno una casa e si trovano esposti alle intemperie, sia d’inverno che d’estate. Tutto denaro sottratto ai settori dell'istruzione e della ricerca, che sprofondano nella mediocrità a causa della mancanza di fondi pubblici. I Raeliani credono che si possa fare di meglio.

Marco Franceschini, vescovo e portavoce del Movimento Raeliano in Italia, ha dichiarato: "Se pretendiamo di vivere in una cultura che si prende cura degli esseri umani, tutto ciò diventa inaccettabile e dobbiamo fermarlo. Non è solo inaccettabile, ma anche inumano che solo una piccola parte del denaro pubblico venga spesa per l'istruzione, la salute e la ricerca, aree che contribuirebbero notevolmente a ridurre la sofferenza umana in Italia".

Di fronte a queste allarmanti cifre di denaro destinate alle spese militari, Rael - leader spirituale del Movimento Raeliano - ci avvisa che esiste il 90% di possibilità che l'Umanità si autodistrugga e si appella a tutti i cittadini del mondo affinché agiscano rapidamente per sopprimere tutti gli eserciti e le armi nucleari, insistendo perché i loro governi cessino questa follia.

Franceschini ha poi aggiunto: "L'attuale situazione mondiale è pura follia. L'unica strada percorribile per garantire la pace a tutta l'Umanità è quella di sopprimere gli eserciti nel mondo intero e il governo italiano ha un'opportunità unica per diventare, in questo preciso momento storico, un esempio per tutti. L'Italia potrebbe essere il primo paese del G8 a proporre e mettere in pratica una tale azione, indicando così all’intero pianeta la strada da seguire. Come ha detto il nostro leader spirituale Rael, l'amore è l'unica via per la sopravvivenza dell'Umanità. Non c'è altra soluzione".

I Raeliani sottolineano che 1.800 miliardi di dollari - una cifra quasi inimmaginabile di denaro – viene letteralmente sprecata ogni anno in spese militari, contribuendo a diffondere su tutto il pianeta il concetto della "legge del più forte" e causando un aumento globale degli investimenti militari, alimentati della paura e della sfiducia che si viene a creare tra le nazioni.

Franceschini conclude: "Immaginate a che velocità potremmo risolvere tutti i problemi che affliggono l'Umanità se questo denaro fosse utilizzato per il progresso positivo della scienza! Potremmo eliminare la fame e la miseria in tutto il mondo, eliminare la necessità di lavorare e fare in modo che la vita sia dedicata alla realizzazione dell'essere umano, piuttosto che all'attuale e insensata distruzione che mira a mantenere i privilegi di una manciata di persone a discapito di tutta l'Umanità".

I Raeliani italiani spiegano che, se il nostro paese sarà il primo ad agire in questo senso, altri seguiranno poi l’esempio e l'Italia verrà ricordata dalle generazioni future come un pioniere della pace mondiale.